Fashion fraud analysis: i primi passi del progetto Cyber Security18/11/2014

Il mercato globale della contraffazione ha raggiunto livelli senza precedenti e sui social network gli annunci che sponsorizzano online store di merce contraffatta sono in vertiginoso aumento, in particolare nei settori della moda e del lusso.

Questo è quanto rivela lo studio del progetto di ricerca Cyber Security - Horizon 2020, sviluppato da TSC Consulting in collaborazione con il Centro di Competenza ICT Sud.
Nel mese di ottobre 2014, grazie all'ausilio di bot, programmi automatici in grado di simulare il comportamento degli utenti, sono stati raccolti tutti i link pubblicitari che comparivano negli account Facebook presi in esame. Il campione di 1067 annunci pubblicitari pubblicati sul social network è stato analizzato dai ricercatori che hanno appurato che tra le 180 pubblicità relative al settore Fashion/Luxury, ben un quarto (il 24%), rimandava a link di siti o pagine Facebook legate ad online store che commerciano merce contraffatta. (Leggi il paper su www.scribd.com).

La ricerca rientra negli obiettivi del progetto Distretto Tecnologico Cyber Security. L'analisi delle tematiche di contraffazione di marchi e certificati sul social e sul web è funzionale allo sviluppo di strumenti e protocolli di difesa per contrastare le digital fraud.
Il progetto Cyber security, ancora in fase di sviluppo, si declina in due stream: “Protezione dell’Utente Finale” e “Protezione dei servizi digitali e di pagamento elettronico”.
Il primo, "Protezione dell'utente Finale", si concentra sulla protezione dell'Utente durante le sue attività di fruizione di ogni tipo di servizio informatico. La soluzione permette una possibilità sicura e di continuità, dell'utilizzo dei dispositivi aziendali e personali, in contesti quindi d'uso lavorativo(accesso ad applicazioni funzionali core e a dati aziendali) e in contesti d'uso privato. L’attività consiste nella realizzazione di uno strumento finalizzato al contrasto di un insieme ampio di tipologie di minacce: la “ELISA – End-user LIght Security Assistant”. Sarà parte delle attività la definizione congiunta di un processo di monitoraggio e analisi in grado di prevedere e valutare gli incessanti nuovi e mutevoli scenari, di rischi e di sicurezza.
La parte di realizzazione relativa alla “Protezione dei servizi digitali e di pagamento elettronico” si focalizza sui sistemi digitali di pagamento, in particolare sui metodi di transazione attuati utilizzando tecnologie, dispositivi e architetture di rete evolute (Cloud computing, mobile devices, ...). L'obiettivo del progetto è lo sviluppo di una piattaforma di analisi deterministica (Cyber Security Intelligence) per la scoperta di nuove minacce di attacco e di un prototipo di piattaforma per le analisi evolutive dei modelli di rischio nei servizi e sistemi di pagamento. Lo standard innovativo per la definizione del modello di controllo delle conformità è dato dal Cyber Security Risk Monitoring, un monitoraggio sicuro nei processi e nei sistemi di pagamento per le diverse tipologie di utenti. Il progetto si propone di definire algoritmi diKnowledge discovery che consentano di fornire una predizione su attacchi e minacce future. Inoltre si intende sviluppare tecniche innovative per la valutazione dei rischi nell'ambito dei servizi di pagamento mappati, con la formulazione di un’ontologia per l’analisi degli impatti per i rischi operativi collegati ai servizi di pagamento. Si prevede anche l’impianto di una metodologia per la protezione e la gestione integrata delle e-ID inclusiva degli aspetti di salvaguardia della privatezza, con l’obiettivo di evitare abusi sui dati personali degli utenti dei sistemi di pagamento.

Rassegna stampa

14 novembre 2014 - Mashable: "Be warned: That Facebook ad you clicked on may be for counterfeit goods"
14 novembre 2014 - Bloomberg: "Fakebook: Site Touts Luxury Goods That May Not Be What They Seem"
14 novembre 2014 - Repubblica.it: "Facebook, attenzione alla pubblicità: la beffa dei siti che vendono merce contraffatta"
14 novembre 2014 - Riotta.it: "Moda e Lusso: cresce il mercato online della contraffazione"

Il video del progetto: Dig.pills - Fashion Frauds