Il Premio Strega e l’analisi Data Driven di Alkemy Lab11/07/2017

L’edizione 2017 del più prestigioso premio letterario italiano, assegnato lo scorso 6 luglio a Roma a Villa Giulia, è al centro dell’ultima ricerca di Data Intelligence realizzata da Alkemy Lab

Un premio prestigioso, una location altrettanto importante, i libri e i loro autori come protagonisti. Questi in sintesi gli elementi principali del Premio Strega, il più noto premio letterario italiano svoltosi come da tradizione al Ninfeo di Villa Giulia a Roma. Alkemy Lab ha realizzato, in collaborazione con Catchy ed il giornalista Gianni Riotta, una analisi di Data Intelligence per monitorare informazioni e discussioni social riguardanti l’evento e i candidati in gara. L’analisi è stata pubblicata sul portale di informazione riotta.it nell’articolo “Premio Strega: una notte di lettere e libri a Villa Giulia”.

L’edizione 2017 si è tenuta giovedì 6 luglio ed ha visto la vittoria dello scrittore Paolo Cognetti. È stata infatti la sua opera “Le otto montagne”, edita da Einaudi, ad ottenere la maggioranza delle preferenze dei votanti.

Tramite le ricerche effettuate sul motore Google si è potuto sondare l’interesse verso gli scrittori della cinquina finale: Paolo Cognetti, Alberto Rollo, Teresa Ciabatti, Wanda Marasco e Matteo Nucci.

Il Premio ha fatto parlare di sé anche sui social network. Su Instagram e Twitter sono stati numerosi i post sull’argomento scambiati nelle due settimane precedenti l’evento. In essi gli utenti hanno utilizzato vari riferimenti al premio stesso, ai libri in genere e ai loro scrittori preferiti.

Twitter è stato molto utilizzato proprio nelle ore in cui era in corso la manifestazione a Villa Giulia. Nei post degli utenti che hanno twittato a proposito del Premio Strega utilizzando #strega17 o #premiostrega, è #Cognetti l’hashtag più utilizzato. Man mano che il risultato si andava delineando, infatti, i tweet riguardanti il Premio e Paolo Cognetti conoscevano un picco, testimoniando l’interesse suscitato dall’evento tra gli utenti.

La vittoria del Premio Strega è un riconoscimento ambito anche dalle stesse case editrici che pubblicano i libri in gara. Nella classifica delle case editrici che hanno collezionato più vittorie dal 1947 ad oggi, Mondadori è in testa superando di molto le dirette concorrenti.

Al secondo posto si posiziona proprio Einaudi, che ha pubblicato l’opera di Cognetti e che, con la vittoria dell’edizione 2017, raggiunge la quota di 14 successi complessivi in vetta alla classifica del Premio.

Lo Strega si conferma così come un evento seguito, e andando oltre l’aspetto strettamente letterario rappresenta ormai una popolare vetrina per la cultura italiana.