Imprenditori e innovatori si incontrano e si raccontano all’Adriano Olivetti Day22/03/2016

Il 16 ottobre il Teatro Grande di Brescia ha ospitato l’evento dedicato alla memoria di Adriano Olivetti, in cui persone provenienti dal mondo dell’imprenditoria e dell’innovazione tecnologica hanno condiviso con il pubblico il modo in cui hanno fatto proprio il pensiero olivettiano.

L’Adriano Olivetti Day è l’evento che ha avuto luogo lo scorso 16 ottobre 2015 al Teatro Grande di Brescia. Questo evento, giunto già alla sua terza edizione, è stato ideato e organizzato da Super Partes Innovation Campus, in cui startup e giovani aziende tecnologiche vengono accompagnate e supportate dalla fase di fondazione a quella di arrivo sul mercato.

I protagonisti sono stati esponenti del mondo dell’economia e della finanza e persone che si sono distinte per la loro capacità di fare innovazione tecnologica nel sistema imprenditoriale. In questo appuntamento, gli ospiti si sono confrontati tra loro e con il pubblico, condividendo idee e storie di successo. Uno dei focus principali del confronto è stato sul tema "Come si finanzia l’innovazione e perché lo si deve fare”.

Il chairman della mattinata è stato Gianfausto Ferrari, fondatore e Presidente del Superpartes Innovation Campus.
Il campus, fortemente voluto da Gianfausto Ferrari, Marino Pinotti e Fulvio Primatesta (co-fondatori), è nato con l’obiettivo di promuovere e dare vigore all’innovazione italiana nel modo più concreto: il coraggioso incubatore d’impresa bresciano vuole insegnare a volare alle start-up fin dai primi lanci, sia partecipando alle spese di gestione delle aziende ammesse, per almeno il primo anno; sia facendo del campus un luogo di incontro, formazione e attrazione dei giovani talenti.

Tra i protagonisti dell’evento, Francesco Beraldi, fondatore di O2E, che, a partire dalla sua esperienza imprenditoriale, ha raccontato di come, per essere capaci di fare innovazione, sia essenziale interpretare i segnali di cambiamento. La mission di O2E è infatti promuovere iniziative a favore dei giovani talenti e dell’innovazione e sostenere imprese innovative.

Nel suo intervento “Digital R(E)volution - La metamorfosi del fare innovazione” Beraldi ha parlato di come il digitale, innovazione dirompente che ha modificato l'organizzazione sociale modellando il nostro modo di comunicare, abbia gettato una nuova luce sulle strategie di impresa e sul modo di fare innovazione.
Ha raccontato di come gli artigiani del digitale siano stati formidabili innovatori anche del modo di produrre, inaugurando la prima “impresa orizzontale” con la nascita della comunità Open Source. Ha spiegato come l’Open Source abbia attuato un innovativo modello di produzione sociale in cui la collaborazione è un tassello essenziale: un modo di lavorare incentrato sulla partecipazione.

Nella visione di Francesco Beraldi l’orizzontalizzazione delle strutture d’industria, verso la quale il mondo dell’impresa si sta dirigendo, implica cambiamenti fondamentali nella strategia d’impresa: le aziende sono chiamate a incentivare la condivisione e la capacità di fare rete promuovendo un ambiente aperto e collaborativo. Oggi l’imprenditore che innova è colui che ha la capacità di ascoltare e captare i filoni da sviluppare che spesso vengono scoperti non più da una ricerca in house, ma dagli stessi users: ecco perché per fare innovazione è indispensabile avere capacità di osservazione e ricercare la diversità.
La creatività è cumulativa e collaborativa: si ottiene per sedimentazione di idee e capacità di riuso.

DIGITAL (R)EVOLUTION - La metamorfosi del fare innovazione

Guarda l’intervento completo di Francesco Beraldi: "Olivetti Day 2015 - Francesco Beraldi"

Visita il sito dell’Adriano Olivetty Day 2015