La social data analysis di Alkemy Lab su #sanremo201713/02/2017

In occasione di Sanremo 2017, La Stampa ha pubblicato le analisi che Alkemy Lab ha condotto sul Festival visto attraverso i social network

Il Festival si è tenuto dal 7 all’11 febbraio e, di certo, l'evento ha lasciato il segno sui social. Twitter e Facebook in questi casi sono sempre osservatori privilegiati e Alkemy Lab li ha monitorati per tirare fuori ciò che le altre fonti di informazioni mettono meno in risalto. Il lavoro di ricerca, condotto insieme a Catchy srl nell’ambito del progetto DEEP, è confluito in tre articoli pubblicati sul La Stampa in collaborazione con il giornalista Gianni Riotta.

Nel primo articolo “Buona la prima: boom di spettatori dal divano ai social”, sono state prese in esame le conversazioni sul Festival intercorse durante la prima serata dell’evento.

Le ricerche hanno evidenziato come tra le conversazioni su Sanremo 2017 emergano riferimenti sia alle canzoni, sia ai personaggi più popolari.

Un ruolo di primo piano hanno avuto anche gli ospiti che sono saliti sul palco dell’Ariston nel corso dell’evento, come #rickymartin. Da segnalare anche i curiosi hashtag frutto delle campagne promozionali di testate e brand, da #teamdivano a #sanremoceres, lanciato dalla nota marca di birra.

Analizzare invece l’andamento degli hashtag più diffusi nel corso della serata ha permesso di portare alla luce i picchi dei vari temi, come quello ottenuto dagli hashtag #rickymartin e #tizianoferro in corrispondenza dell’esibizione dei due artisti.

La seconda serata è stata al centro dell’articolo “Il Festival visto dai Social: bene anche la seconda”. Anche l’appuntamento del 9 febbraio è stato infatti al centro di numerose discussioni sui social network.

Su Twitter, in particolare, dopo il grande numero di tweet generici su Sanremo, l’attenzione degli utenti si è concentrata sulle canzoni, utilizzando i titoli dei brani più apprezzati o più criticati della serata. Conduttori, ospiti e cantanti giocano, come sempre, un ruolo centrale e sono stati moltissimi gli hashtag che ne richiamavano i nomi.

Maggiori informazioni possiamo ricavare scendendo nel dettaglio degli hashtag utilizzati. Dopo l’ufficiale #sanremo2017 è emersa con forza l’attenzione degli utenti sulla canzone di Michele Bravi #ildiariodeglierrori, e larga eco hanno ottenuto anche le esibizioni di Robbie Williams e Francesco Totti, i super-ospiti della serata.

In “Passato e presente sul palco dell’Ariston”, pubblicato su La Stampa il 10 febbraio, Alkemy lab ha presentato invece i risultati della ricerca riguardanti la terza serata.

Una serata dominata dalla presenza del super-ospite Mika, che con la sua esibizione ha catalizzato non solo l’attenzione del pubblico televisivo, ma anche i post degli utenti Twitter che stavano seguendo l’evento.

Non sono mancati gli hashtag ironici. Su tutti #eintantovessicchio, che mette al centro lo storico maestro d’orchestra del Festival.

Il Festival, dunque, continua a svolgere la sua funzione di specchio della vita sociale italiana. Lo riflettono le conversazioni degli utenti, ma non solo. Anche gli account Twitter e Facebook di alcune delle principali testate giornalistiche italiane hanno dato attenzione all’evento. Negli account di La Stampa, Corriere della Sera, La Repubblica, Il Messaggero, Il Fatto Quotidiano e Il Secolo XIX, ad esempio, su entrambi i social la parola più diffusa dalle varie testate nei primi tre giorni dell’evento è stata, pensate un po’, proprio Sanremo.

L’ultima serata del Festival è stata la serata dei record, e l’analisi di Alkemy Lab al riguardo è stata pubblicata su La Stampa il 13 febbraio nell’articolo “#sanremo2017: il Festival dei record”. La finale ha registrato uno share superiore al 58%, un dato che non si registrava da 15 anni, ma anche i social network sono stati invasi da una marea di post.

Su Twitter, ad esempio, sono stati moltissimi i tweet caratterizzati dagli hashtag ufficiali dell’evento.

Una parte significativa di questi era incentrata sulle canzoni presentate durante l’evento, utilizzando tra gli hashtag i titoli dei brani. Anche i personaggi, dunque cantanti, presentatori e ospiti, hanno avuto il loro peso. Non sono mancati hashtag riferiti all’ambito televisivo e quelli diffusi da testate di informazione o brand.

Tra le canzoni più citate emerge Il diario degli errori, il brano di Michele Bravi è stato invatti il più citato su Twitter. Bene anche per Francesco Gabbani, che con gli hashtag #gabbani, #occidentaliskarma e #francescogabbani ha portato la canzone vincitrice ad essere tra le più citate nei tweet.

Una curisità: tra gli hashtag più diffusi tra quelli utilizzati nel corso della finale è spuntato #termostato, termine diffuso in modo virale da The Jackal e menzionato da artisti e conduttori anche sul palco dell’Ariston.