Social Lettering: grafica code-generated made in Alkemy Lab 3/09/2015

Cosa dice la rete a proposito del Giubileo? L'analisi della conversazione social attraverso tecniche di visualizzazione ed elaborazione dei Big Data.

Alkemy Lab, in collaborazione con l'istituto IMT Alti Studi Lucca e Tramas Web, ha realizzato, per la settima puntata di 47 35 Parallelo Italia (Rai Tre), un modello sperimentale di elaborazione e visualizzazione dei dati social, basato sulla generazione di immagini a partire dal codice. Grazie agli algoritmi della code-generated graphic vengono create delle composizioni grafiche che sono diretta espressione visiva del dato. La sintesi visiva mostra gli hashtag più frequenti nella conversazione social intorno al tema del Giubileo. Attraverso un lavoro redazionale è stato individuato un insieme di account giudicati rilevanti per il tema nei tre principali social network: Facebook, Twitter, Instagram. Gli account raccolti comprendono molte pagine ufficiali pubbliche e alcuni profili privati dei principali influncer. Da tali account sono stati scaricati ed elaborati i messaggi pubblicati nei mesi di giugno e luglio 2015.

I dati vengono visualizzati come punti: ogni occorrenza del dato viene rappresentata come un singolo punto. Agli estremi dello schermo, in alto e in basso, sono presenti i loghi dei social network dai quali sono stati estratti i dati. Dai tre loghi si sprigiona il flusso di dati, distinti per colore a seconda del social di provenienza. I punti all’interno della nuvola di dati si aggregano formando le differenti parole: il pulviscolo si ordina facendo emergere nuovi significati. Il numero dei punti (in proporzione) rispecchia l’ampiezza d’uso di un particolare hashtag, mentre il colore contraddistigue il social network dal quale sono stati estratti i dati (verde per Instagram, blu per Facebook e rosso per Twitter). I punti si aggregano secondo un algoritmo di collisione per comporre le parole degli hashtag di appartenenza. Sullo schermo, la dimensione delle parole è indicativa della frequenza d’uso degli hashtag. Oltre alla composizione cromatica (la percentuale di colore all’interno della parola), anche la posizione sullo schermo rispetto al centro indica in che misura l’hashtag è comune ai social considerati, secondo un’opposizione centro/periferia.

La visualizzazione è stata realizzata grazie alla collaborazione con l'Istituto IMT Alti Studi Lucca, all'avanguardia sull’elaborazione dati e sugli algoritmi di analisi e interpretazione di questi; e con Andrea Montaldo di Tramas Web, che ha curato la grafica code-generated.