TSC a Lucca per partecipare alla Conferenza Annuale sui Sistemi Complessi11/09/2014

L'istituto IMT di Lucca ospiterà tra il 22 e il 26 settembre l'annuale conferenza internazionale sui sistemi complessi.

Dalle dinamiche del marketing virale al sistema endocrino umano; dalla propagazione dell'informazione sui social network alla pianificazione infrastrutturale ambientale: il mondo che ci circonda è organizzato in sistemi complessi, in altre parole sistemi formati da in numero elevato di componenti che interagiscono l'un l'altro e che subiscono continue modifiche da agenti esterni. Benché le modifiche dei singoli componenti del sistema siano prevedibili, è tuttavia molto difficile prevedere uno stato futuro dell'intero sistema. Ancora oggi i complex system sono decifrabili agli occhi degli studiosi solo in maniera parziale: "Nei sistemi complessi l’imprevedibilità e il paradosso saranno sempre presenti ed alcune cose rimarranno sconosciute" ha detto il filosofo e sociologo francese Edgard Morin, noto per l'approccio transdisciplinare con il quale ha trattato un'ampia varietà di argomenti.

Da oltre dieci anni si tiene in Europa un appuntamento scientifico che riunisce i principali esperti di reti e di sistemi complessi a livello internazionale: si tratta dell'ECCS, European Conference of Complex System. La conferenza annuale, che torna in Italia grazie a Guido Caldarelli, professore di Fisica dell'Istituto IMT di Lucca, rappresenta un'opportunità unica per conoscere i nuovi approcci scientifici nei più diversi campi di applicazione. L'obiettivo è spiegare e capire (e magari un giorno controllare e prevedere) fenomeni come i flussi turistici; il traffico nelle strade, sul web e sui social network; la propagazione delle malattie; la diffusione del rischio nei sistemi economici. Quella lucchese sarà inoltre l'ultima conferenza a tenersi in Europa: data l'importanza che questi temi stanno assumendo a livello planetario, i prossimi appuntamenti saranno certamente extraeuropei.

Durante i cinque giorni dell'evento sono previsti 34 seminari tenuti da docenti delle più importanti università del mondo; 200 relazioni di 15 minuti esposte da ricercatori selezionati con un bando internazionale; numerose sessioni da 3 minuti ciascuna, per presentare gli altri contributi scientifici; 28 tavole rotonde per approfondire temi collaterali. I seminari scientifici sono dedicati agli iscritti mentre la serata nella Chiesa di San Francesco, in cui il giornalista Gianni Riotta, esperto di Big data e new media, intervisterà alcune delle personalità di spicco della settimana scientifica, sarà aperta a tutti, ospiti e cittadini.

Le complex network sono già da tempo oggetto di studio per TSC: dapprima, nello sviluppo del progetto TETRIS, sono state esplorate le reti estratte mediante tecniche di community detection, in campo Automotive e Energy. In seguito, durante lo sviluppo del progetto di ricerca INMOTO, si sono messe in evidenza le relazioni tra utenti dei social network interessati alle tematiche del turismo, partendo dagli influencer e dalle fonti trusted del settore. Infine, nel progetto INSIDER, TSC ha applicato le metodologie della community detection per far emergere le relazioni e le dinamiche tra aziende, istituzioni e organizzazioni.

Ora TSC partecipa alla conferenza per rafforzare gli stream di ricerca intrapresi su queste tematiche, innovarli, fare rete e trovare nuove collaborazioni.

Informazioni

Maggiori informazioni sul sito della conferenza: www.eccs14.eu