A RaiNews24 il contrasto alle fake news con Alkemy Lab e Luiss Data Lab 5/02/2020

Durante la trasmissione Checkpoint, in onda il 4 febbraio su RaiNews 24, Luca Tacchetti Data Analyst del Lab ha raccontato la metodologia utilizzata per individuare la disinformazione sul web

Oggi il ruolo delle campagne di comunicazione assume una valenza centrale nel dibattito pubblico per ambiti come la salute, l’ambiente e la ricerca. Nel settore privato, invece, i flussi informativi rappresentano una fonte primaria per poter prendere decisioni data oriented. Queste informazioni, purtroppo, possono essere manipolate o inquinate da fake news e disinformazione. Le aziende, la pubblica amministrazioni e gli enti devono essere capaci quindi di individuare questi tentativi nel più breve tempo possibile e contrastare la diffusione.

Il contributo tecnologico di Alkemy Lab, nello sviluppo di algoritmi di intelligenza artificiale e di complex network, permette di studiare tale fenomeno. Grazie infatti ai software di social media analysis realizzati dal Lab e alla data analysis dei data scientist e analyst è possibile monitorare le conversazioni sul web, verificare e confrontare hashtag, parole chiavi, account che possono contribuire a disorientare gli utenti.

Luca Tacchetti durante la trasmissione ha ripercorso i casi studio che, insieme alla collaborazione con il centro di ricerca Luiss Data Lab e la startup Catchy, hanno visto il Lab coinvolto nell’individuazione delle fonti delle fake news: ambiente, fenomeni sociali, brand reputation, economia, politica. L’analisi si è anche soffermata sul ruolo svolto dalle principali piattaforme social e non per limitare e arginare tali attività.

L’analisi di Data Intelligence del Lab ha individuato situazioni di disinformazione in ambiti di business e di attualità, contribuendo ad avvertire gli attori coinvolti dagli attacchi ed evitare casi alla reputazione per influencer e brand.

Il rischio principale infatti è la possibilità offerta da strumenti automatizzati e pervasivi di fomentare campagne di odio online, alterare l’esito di elezioni politiche nazionali ed internazionali, danneggiare la reputazione di brand e persone.

Nuovi e innovativi campi di applicazione vedono coinvolte anche piattaforme di messaggistica istantanea, come Telegram, e forum specializzati, come Reddit, dove il focus ha riguardato l’evoluzione delle community rispetto alla “reazione” di fronte a notizie real time. Questo campo, all’avanguardia ha visto il Lab studiare e comprendere il sentiment e l’interazione rispetto anche a forme di investimento. L’obiettivo è stato capire come una notizia fake possa incidere sul mercato rispetto a oscillazioni di prezzo di beni e servizi.

Durante l’intervista sono stati evidenziati alcuni elementi chiave per scoprire facilmente e attuare pratiche di contrasto, come la verifica accurata delle fonti e delle immagini associate tramite tool online e quali pratiche, ogni persona, può realizzare prima di condividere e sostenere una determinata informazione.