L’esperienza SINNOVA 2019 2/10/2019

Anche Alkemy Lab si prepara a vivere l’innovazione come cambiamento. Mancano ormai poche ore all’inaugurazione della settima edizione del Salone dell’innovazione in Sardegna, la manifestazione promossa da Sardegna Ricerche sui temi del futuro e delle nuove tecnologie.

Anche Alkemy Lab si prepara a vivere l’innovazione come cambiamento.
Mancano ormai poche ore all’inaugurazione della settima edizione del Salone dell’innovazione in Sardegna, la manifestazione promossa da Sardegna Ricerche sui temi del futuro e delle nuove tecnologie.
Come di consueto, il programma delle due giornate, che quest’anno avranno luogo il 3 e 4 ottobre nella cornice di Sa Manifattura (la ex Manifattura Tabacchi) a Cagliari, spazia tra momenti di formazione collettiva - talk, workshop - e focus sulle imprese innovative. Parteciperanno imprese affermate, spin-off universitari e startup operanti in vari ambiti (Ict, turismo, cultura e ambiente, smart grid), ognuna con il suo potenziale di innovazione, tecnologia e futuro da condividere.

Anche Alkemy non poteva mancare per offrire il proprio contributo circa le metodologie innovative e le tecnologie cutting-edge da sempre in sperimentazione nel Lab: dalla Blockchain, all’Augmented & Virtual Reality, all’Internet of Things, alla Voice Interaction.

Nel corso di Sinnova 2019 Alkemy presenterà l’AR/VR Platform Builder, una piattaforma per la creazione di esperienze di realtà aumentata e virtuale, nella sua declinazione “Sas Alas A Bolare”, ideata per la valorizzazione della città di Cagliari (sasalasabolare.it).
L’ambientazione dell’esperienza immersiva fonde l’arte della narrativa, che intreccia elementi della tradizione sarda, con le tecnologie immersive, per offrire un prodotto che, grazie alle logiche del game design, è in grado di trasmettere contenuti culturali legati alla storia del territorio, attraverso un’esperienza interattiva e coinvolgente. L'innovazione è riscontrabile sotto diverse angolature:

  • la configurazione si attua grazie ad un file json completamente parametrizzato, che viene impiegato dal lato frontend per il bootstrapping;
  • la creazione delle esperienze AR/VR web-based permette nativamente l’uso multipiattaforma;
  • il database NoSQL supporta lo sharding per la distribuzione dei dati e risulta quindi scalabile;
  • il frontend della piattaforma è costituito da componenti riutilizzabili ed è implementato impiegando la libreria React.js e tutta la codebase è interamente scritta in un unico linguaggio per ottimizzare il mantenimento.

Durante la manifestazione saranno presentate anche soluzioni e applicazioni sviluppate per gli ambiti eCommerce, Blockchain, AI, Big Data Analysis e Data Visualization.

In particolare sarà l’occasione di mostrare al pubblico Dream/R, la versione enhanced della piattaforma Dream che integra il layer della Augmented Reality a quelli di Data collecting, Responsive interaction, Ambient Intelligence già presenti nella prima versione.

Dream/R è composto quindi da un’installazione responsiva scalabile dotata di sensoristica IoT dedicata all’Ambient Intelligence e da un’experience in realtà aumentata.

L’impianto per l’Ambient Intelligence si compone di un pannello di plexiglass attrezzato con un kit hardware di sensori incrementali: temperatura e umidità, microcontrollore, qualità dell’aria, luce. I dati rilevati vengono visualizzati in una dashboard interattiva attraverso widget, e sintetizzati in un macro indice di comfort dell’ambiente.
Il monitoraggio del comfort in ambiente domestico o pubblico sarà un parametro sempre più necessario anche in un’ottica di sostenibilità e di economica green. Oltre che per la progettazione dei percorsi dei visitatori, sempre più individuali e personalizzati, monitorare l’ambiente dove si svolgono le attività per la maggior parte della giornata, offrirà una vista dei maggiori parametri fisici per aiutare a rendere più ecosostenibile e vivibile l’ambiente in cui il device sarà installato.

L’experience in realtà aumentata offerta da Dream/R permette di scoprire la Green Economy tramite la Realtà Aumentata e l’Internet of Things facendo leva su strategie di gamification. Il gioco consiste nel combinare diversi bio-materiali per scoprire di poter creare nuovi materiali riciclabili e riutilizzabili da sostituire ai materiali inquinanti. Attraverso una struttura freestanding in legno, composta da una parete verticale, un piano di appoggio e dei marker da inquadrare con il telefono, sarà possibile comprendere come realizzare prodotti bio sostenibili, declinati nelle filiere del packaging, per l’edilizia industriale e domestica, per prodotti di uso comune e per un loro corretto riciclaggio.

Tornerà a Sinnova anche la piattaforma DeMaP, che implementa un modello di produzione decentralizzato e distribuito per connettere e far collaborare i protagonisti delle filiere produttive. Con DeMaP si può creare e personalizzare un prodotto e monitorare in tempo reale il processo di produzione e distribuzione.

DeMaP utilizza la tecnologia Blockchain per la sicurezza e la certificazione delle persone e dei prodotti. La piattaforma fornisce un nuovo modello di accesso ai servizi integrando metodi di autenticazione standard con quelle basate su Blockchain. Ogni oggetto creato o gestito dalla piattaforma possiede una carta d’identità, la Product Identity Card, certificata attraverso la Blockchain, che lo identifica in modo univoco, garantendo aspetti quali privacy, proprietà intellettuale e possesso.

È stata implementata un’architettura che consente di gestire su blockchain la componente di asset digitale e successivamente sono stati definiti degli smart contract che permettono di gestire l’erogazione di token per i diversi attori. L’autenticazione è stata gestita con l’integrazione del componente Metamask che garantisce all’utente un elevato controllo della privacy. Il prototipo permette all’utente finale di effettuare un acquisto, che nell’ambito degli asset digitali corrisponde ad una transazione su blockchain, e se il pagamento rimane su blockchain richiede un pagamento in criptovaluta. Se il bene acquistato è un bene materiale, al trasferimento del token su blockchain deve corrispondere anche la movimentazione del bene attraverso spedizione con corriere al recapito o al punto di raccolta, oppure acquisto in negozio tradizionale.

_____________

Giovedì 3 e venerdì 4 ottobre 2019

Sa Manifattura, la Manifattura Tabacchi di Cagliari

Viale Regina Margherita, 33

sinnova.sardegnaricerche.it